4 giugno, Giornata internazionale dei bambini innocenti vittime di aggressioni

da | Giu 4, 2020 | Articoli, Blog

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 19 agosto 1982, istituisce la Giornata internazionale dei bambini innocenti vittime di aggressioni, per confermare la volontà delle Nazioni Unite di proteggere i loro diritti.

Il sito www.onuitalia.it riporta dati veramente preoccupanti. Sono 250 milioni i bambini che sono vittime innocenti di questi abusi, soprusi, persecuzioni, menomazioni, guerre; i bambini costretti a subire e, perfino, a fare violenza ad altri poiché, nonostante siano minori, vengono arruolati e preparati a fare la guerra, ad uccidere e a farsi uccidere, vengono feriti, oltre che nel corpo, nell’anima.

La loro mente subisce un così grave choc, quello di sentirsi soli, impotenti, indifesi, di fronte al male e alla morte, inoltre essi possono adottare crescendo, comportamenti auto o etero aggressivi. Ovvero, possono deprimersi fino al punto di ammalarsi, fisicamente o mentalmente,  perfino, di suicidarsi. Oppure, possono trasformare il loro dolore, per essere stati vittime di violenza, nel bisogno di “scaricare” quello che hanno patito su altre persone. Per vedere negli occhi di altri individui la loro stessa paura, la loro stessa umiliazione, il loro stesso disorientamento, la loro stessa sottomissione e disperazione. Per evitare di sentirsi vittime diventano loro stessi aguzzini.

La salvaguardia dei diritti dei bambini è una priorità: «L’UNICEF, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, da 70 anni lavora in 190 paesi al fine di difendere i diritti e migliorare le condizioni di vita dei bambini di tutto il mondo. Tra i molti programmi, l’UNICEF conduce anche attività di prevenzione e trattamento dell’HIV/AIDS, programmi di monitoraggio della salute dei minori affetti da malnutrizione e progetti volti alla promozione del diritto all’istruzione».

Non a caso, “l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile”, approvata nel 2015, prevede un piano universale per il raggiungimento degli obbiettivi di sviluppo sostenibile (Sdgs), per garantire un futuro migliore alle nuove generazioni.

Il raggiungimento degli obiettivi  che  l’Agenda assicurerebbe è la riduzione di conflitti e povertà, l’accesso all’acqua e al cibo, l’istruzione e la creazione di un mondo più sicuro per i bambini di tutto il mondo”.

Un mondo nel quale vengano offerti da autorità autorevoli, familiari, educative, sanitarie, legali, sociali- presenti e competenti- interventi culturali ed economici, governativamente previsti e mirati a prevenire, in ogni ambito e ad ogni livello, violenze, abusi, degrado, disperazione nella vita dei minori, futuri adulti.